fecondazione assistita

MALATTIA RARA

Maria e Giuseppe sono portatori di una malattia rara. Con la fecondazione assistita possono sperare di concepire un figlio sano.
La diagnosi preimpianto permette di accertare se l'embrione è sano o malato,

e quindi di immetterlo nell'utero della madre solo nel secondo caso.
In Italia, nel 2005, non era consentito perché la legge obbligava a impiantare tutti gli embrioni, anche se malati. La coppia aveva già perso una bimba di sette mesi affetta da Osteoporosi, e dovuto affrontare un aborto terapeutico perché anche il secondo bimbo avrebbe avuto lo stesso destino.
L'appello di Maria era quello di spronare le persone ad andare a votare per abrogare una legge ingiusta. La donna ha anche intrapreso lo sciopero della fame per alcuni giorni per protestare contro il livello di disinformazione in materia.
Giuseppe e Maria sono solo una delle migliaia di coppie che non potevano avere un figlio senza l’aiuto della fecondazione assistita, per questo era necessario che la legge fosse abrogata.

Genea Onlus

Via Vincenzo Giardini 11
48022 Lugo (RA) Italia

posta

geneaonlus@gmail.com
geneaonlus@pec.it

tel

+39 327 460 3800

dona il 5 x 100 a Genea Onlus