Logo assossociazione Genea Onlus Logo Associazione senza fini di lucro per lo studio la prevenzione e la terapia della infertilita femminile e maschile Foto di neonato
Stampa E-mail

ETA’
CAUSE ORMONALI
CAUSA TUBARICA
ENDOMETRIOSI
CAUSE UTERINE
TERAPIE ANTI-TUMORALI


ETA’
La capacità riproduttiva femminile diminuisce fisiologicamente fino ad esaurirsi con la menopausa.
A partire  dai 35 anni di età si ha un calo significativo della fertilità dovuto alla riduzione della riserva di ovociti (cellule uovo) presenti nell’ovaio e del loro stesso invecchiamento.
Negli ultimi decenni, Il progressivo avanzare dell’età alla quale una donna decide di avere un figlio ha inevitabilmente determinato la diminuzione della capacità riproduttiva femminile.

CAUSE ORMONALI
Il ciclo mestruale è regolato dagli ormoni dell’asse ipotalamo- ipofisi-ovaio: un malfunzionamento nella regolazione o nella produzione ormonale possono provocare un disturbo del ciclo ovulatorio.
Uno dei disturbi piu’ frequenti è la Sindrome dell’ovaio micropolicistico (PCOS), un disordine endocrinologico caratterizzato dalla presenza di numerosi follicoli nell’ovaio e associata ad irregolarità (oligomenorrea) o assenza (amenorrea) del ciclo mestruale.
Disturbi dell’ovulazione possono essere provocati anche dalla iperprolattinemia, cioè dall’aumentata produzione di prolattina da parte dell’ipofisi. Le cause dell’iperprolattinemia possono essere diverse: ipotiroidismo, stress, terapie farmacologiche.

CAUSA TUBARICA
Tutte le condizioni di alterata funzionalità delle tube (impervietà mono o bilaterale, stenosi, alterata motilità, fimosi fimbrica..)  possono ostacolare o impedire l’incontro tra i gameti ( ovociti e spermatozoi) che avviene proprio a livello tubarico.
Il danno tubarico può essere causato da un intervento chirurgico addominale, che induce alla formazione di aderenze, o  può incorrere in seguito a infiammazione pelvica. In questo caso la Chlamydia Trachomatis è il patogeno più frequentemente coinvolto nell’infezione, la quale può spesso risultare completamente asintomatica.

ENDOMETRIOSI
Il tessuto endometriale, che normalmente riveste la cavità uterina, può invadere e danneggiare tessuti ed organi dell’area pelvica coinvolti o meno nel processo  riproduttivo come le ovaie, la cervice, i legamenti uterini, ma anche l’intestino, la vescica, il setto retto-vaginale.
L’endometriosi si presenta in varie forme, da quelle lievi e asintomatiche a quelle più gravi, dolore e con capacità riproduttiva compromessa. Lendometriosi viene classificata in gradi in base alle sedi interessate dalla malattia e al danno provocato dalla crscita di tessuto endometriale in sede anomala.

CAUSE UTERINE

Appartengono a questo tipo di cause tutte quelle alterazioni che rendono l’ambiente uterino poco idoneo all’impianto embrionario.
Le cause uterine sono per lo più associate con un aumentato rischio di aborto. Cause uterine come unico fattore di infertilità sono piuttosto rare: sono spesso associate ad altri fattori che riducono la capacità riproduttiva.
Le piu’ frequenti alterazioni sono rappresentate da malformazioni dell’utero ( utero setto, subsetto, bicorne) o da patologie uterine ( polipi, fibromi, miomi..)

TERAPIE ANTI-TUMORALI
I trattamenti anti-tumorali, chemioterapia, radioterapia e trattamenti chirurgici, possono danneggiare l’apparato riproduttivo e provocare una menopausa precoce.
Il rischio associato ai trattamenti anti-tumorali è soggettivo e dipende dall’età e dallo stato di fertilità pre-trattamento.